Orchestra



ARVO VOLMER È IL NUOVO DIRETTORE PRINCIPALE
DELL’ORCHESTRA HAYDN

Dal prossimo 1° settembre l’estone Arvo Volmer sarà il nuovo Direttore principale dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento. Volmer sarà legato alla Haydn per i prossimi tre anni. L’accordo è stato siglato stamane a Parigi tra la Presidente della Fondazione, dott.ssa Chiara Zanoni, e il Maestro Volmer, prima della sua partenza per una serie di concerti in Australia.
Nel corso dell’ultimo anno il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Orchestra Haydn, assistito dal Responsabile della progettazione artistica Prof. Daniele Spini, ha osservato attentamente i direttori che si succedevano sul podio della Haydn cercando di individuare tra loro quelli che potessero apparire più interessanti e adatti a ricoprire il ruolo di Direttore principale. Tra questi anche il M° Arvo Volmer, che ha diretto per la prima volta l'Orchestra regionale nel concerto di inaugurazione della Stagione 2012/13, successivamente nel concerto di apertura dell’Alto Adige Festival 2013 e, più recentemente, nel gennaio scorso, in un concerto di Stagione, proponendo pagine di Beethoven, Elgar e Čajkovskj.
“La nomina del nuovo Direttore principale dell'Orchestra Haydn – afferma la Presidente Zanoni – segna una tappa decisiva nel processo di riposizionamento strategico dell’Orchestra avviato dall’attuale CdA. Esso affida le responsabilità artistiche non più nelle mani di un direttore unico, ma le ripartisce, sulla base di competenze specifiche, su due figure complementari: da un lato il Responsabile della progettazione, cui competono funzioni di ideazione e pianificazione delle attività artistiche annuali e pluriennali, e dall’altra il Direttore principale, che svolge il suo delicatissimo ‘mestiere’ dal podio, curando la crescita dell’Orchestra sul piano musicale e della personalità artistica. Complementari sono in questo caso anche le culture che Daniele Spini e Arvo Volmer rappresentano: da un lato la cultura mediterranea, dall’altra quella spiccatamente nordica.”

“Dalla collaborazione con Arvo Volmer
– dichiara Daniele Spini – stanno nascendo progetti molto interessanti per l’Orchestra ed il suo pubblico. I concerti diretti dal Maestro hanno messo in speciale evidenza una intesa immediata tra lui e i musicisti della Haydn, che ne hanno colto e apprezzato le notevoli attitudini di concertatore e preparatore, e seguito con profonda convinzione le scelte interpretative. Mentre registravamo una convergenza così felice, abbiamo ammirato in lui un direttore autorevole, sempre consapevole dei connotati stilistici e formali delle partiture che affronta e capace di comunicare immediatamente con il pubblico e coinvolgerlo in profondo. Frequentandolo abbiamo conosciuto un musicista colto, lucido, intelligente, con il quale è possibile costruire programmi importanti e al tempo stesso originali, e condividere strategie e prospettive per quanto riguarda sia la vita dell’Orchestra, sia l’organizzazione delle stagioni. L’esplicito gradimento dei musicisti della Haydn ha ulteriormente rinforzato la nostra decisione di proporgli la direzione principale”.
Entusiasta del lavoro con l’Orchestra Haydn, il M° Volmer vede nell’attuale formazione ambiziose possibilità di sviluppo: “la musica, con la sua pienezza di significati e la sua carica emotiva, è capace di trasmettere ai professori dell’Orchestra così come al pubblico un’energia positiva e un entusiasmo unici. Credo che questo modo di intendere la musica costituisca il terreno comune sul quale ci siamo trovati con l’Orchestra Haydn e sono molto fiducioso che riusciremo a trasmettere tutto ciò al nostro pubblico, condividendo il senso di essere parte di questo meraviglioso mondo di emozioni e di espressività”.
Nelle nuove vesti di Direttore principale, Arvo Volmer sarà per la prima volta sul podio dell’Orchestra Haydn per il concerto di chiusura dell’edizione 2014 dell’Alto Adige Festival a Dobbiaco, il 14 settembre; dirigerà quindi il concerto di inaugurazione del restaurato Teatro Zandonai a Rovereto il 18 ottobre, e subito dopo a Bolzano e Trento i concerti di apertura della Stagione sinfonica 2014/15.
L’impegno contrattuale avrà una durata di tre anni, fino al 31 agosto 2017, e prevede la sua presenza sul podio per un minimo di sei programmi annuali, oltre alla partecipazione a momenti particolarmente significativi per la vita dell’Orchestra, così come a iniziative in sinergia con soggetti culturali della nostra Regione e i main partner della Fondazione, quali la Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano e Cassa di Risparmio Spa.

Arvo Volmer sarà a Bolzano già il 15 aprile per la presentazione della nuova Stagione sinfonica 2014/15, che a questo punto diverrà anche l’occasione per un primo incontro del nuovo Direttore principale della Haydn con rappresentanti delle istituzioni, partner, sponsor e stampa, oltre che naturalmente con l’Orchestra e con gli organi della Fondazione.

26.03.2014




ARVO VOLMER

Estone, nato nel 1962 a Tallinn, Arvo Volmer ha studiato direzione d’orchestra dal 1980 al 1985 con Olev Oja e Roman Matsov al Conservatorio Statale Estone della sua città natale, passando successivamente al Conservatorio “Rimskij-Korsakov” di Leningrado, dove si è diplomato con Ravil Martynov nel 1990; si è perfezionato con Helmuth Rilling negli Stati Uniti. Nel 1989 ha vinto il premio speciale e il quarto premio al Concorso “Nikolai Malko” di Copenaghen.
Volmer ha debuttato nel 1985 al Teatro d’Opera Nazionale Estone di Tallinn, un’istituzione cui è sempre rimasto legato e di cui dal 2004 è il direttore musicale. Dal 1987 ha lavorato anche con l’Orchestra Nazionale Estone, divenendone direttore stabile nel 1993 (rimanendovi fino al 2001). Dal 1994 al 2005 Volmer è stato direttore artistico e musicale dell’Orchestra Sinfonica di Oulu in Finlandia e dal 2004 al 2013 principal conductor e music director dell’Adelaide Symphony Orchestra in Australia.
Arvo Volmer è apparso come direttore ospite della Australian Youth Orchestra, della State Opera South Australia (con Salome di Strauss), della West Australian Symphony, della BBC Philharmonic Orchestra, della Komische Oper di Berlino, della Konzerthaus-Orchester e della Radio-Sinfonieorchester di Berlino, della City of Birmingham Symphony Orchestra, dell’Orchestre de Bretagne, dell’Orchestre National de Belgique di Bruxelles, a Chemnitz e Copenaghen, dei Dortmunder Philharmoniker, dell’Orchestra Sinfonica di Göteborg, al Festival Menuhin di Gstaad, del Teatro d’Opera Finlandese e dell’Orchestra Sinfonica della Radio di Helsinki, delle Orchestre Filarmoniche di Helsinki, Macau e Malmö, al Nationaltheater di Mannheim, della Melbourne Symphony Orchestra, dell’Orchestra Filarmonica di Mosca e del Teatro Bolshoi di Mosca, dei Nürnberger Symphoniker, del Teatro d’Opera Norvegese di Oslo, dell’Orchestre National de France e dell’Orchestre Philharmonique de Radio France a Parigi, della Queensland Orchestra, delle Orchestre Filarmoniche di Reykjavik e di San Pietroburgo, dell’Orquesta Sinfónica do Estado de Saõ Paulo, dell’Opera Australia di Sidney, della Singapore Symphony Orchestra, delle Orchestre Filarmoniche di Stoccarda e di Stoccolma, della Sydney Symphony, della Taiwan Symphony e della Tasmanian Symphony Orchestra nonché del Teatro d’Opera Georgiano di Tblisi. Ha diretto inoltre in Israele, nei Paesi Bassi, in Polonia, in Portogallo e nella Repubblica Ceca.
Arvo Volmer è salito per la prima volta sul podio dell’Orchestra Haydn nell’ottobre 2012, dirigendo il concerto d’inaugurazione della stagione con musiche di Brahms e Ravel.

www.arvolmer.com