PPP. Profeta Corsaro

A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

Musica di
Charles Ives
Musica di
Arvo Pärt
Musica di
Samuel Barber
Musica di
Johann Sebastian Bach

Domenica 30.10.2022 alle 16.00

Durata: 23 min.

Teatro Sociale

Via Paolo Oss-Mazzurana 19 - Trento

Calendario eventi
Chiudi

Descrizione

Nel centesimo anniversario dalla sua nascita, un omaggio al grande intellettuale Pier Paolo Pasolini. Quest’opera “sferica”, così definita dal Maestro Giorgio Battistelli, nasce tra la sinergia tra il Teatro Stabile di Bolzano e la nostra Fondazione e intreccia parole, musica e immagini. Scritti Corsari e Lettere Luterane, ma anche la poesia del grande intellettuale, saranno il tessuto drammaturgico che daranno vita alle cinque voci recitanti. La nostra Orchestra, diretta da Marco Angius, suonerà musiche di Bach, Barber, Ives e Pärt. Con PPP. Profeta Corsaro vogliamo mettere in luce la contemporaneità del pensiero di Pasolini e, allo stesso tempo, demarcarne le visioni poetiche, innovatrici e profetiche della sua opera. Scritti Corsari e Lettere Luterane ci permettono di riflettere sul tempo che stiamo vivendo. Pasolini li scrisse cinquant’anni fa e ancora oggi la sua analisi brilla per lucidità e lungimiranza e rappresenta un valido strumento di lettura di una crisi dell’uomo nel suo rapporto col mondo. PPP. Profeta Corsaro si muove esplorando possibilità di linguaggi nuovi, ricerca l’interazione tra la presenza in scena degli attori e di un’orchestra sinfonica e fa dialogare l’azione con l’immagine.

Cast

  • Testo

    Pier Paolo Pasolini

  • Drammaturgia

    Leo Muscato

  • Drammaturgia

    Laura Perini

  • Direttore D'orchestra

    Marco Angius

  • Regia

    Leo Muscato

  • Visual Design

    Luca Attili

  • Costumi

    Margherita Baldoni

  • Luci

    Alessandro Verazzi

  • Orchestra

    Orchestra Haydn di Bolzano e Trento

  • Recitazione

    Marco Brinzi

  • Recitazione

    Alex Cendron

  • Recitazione

    Milutin Dapcevic

  • Recitazione

    Gianluca Pantosti

  • Recitazione

    Maria Pilar Perez Aspa